CONFEZIONI DI NATALE CON I PRODOTTI DELLE AZIENDE COLPITE DAL SISMA

ASCOLI I prodotti della aziende agricole colpite dal sisma viaggiano online per arrivare più facilmente sulle tavole di tutti. Soprattutto in occasione delle prossime festività natalizie.Torna infatti “Natale in Appennino”, un progetto che vuole essere un inno magico alla tradizione gastronomica contadina che porta in cucina olio, olive, vino, formaggio e pasta. Sono queste le otto le strenne di Natale pronte online su Ufoody per regalare e regalarsi “I Prodotti dell’Appennino”, le esclusive prelibatezze delle aziende agricole del centro Italia colpite dal sisma. E’ dedicato a loro questo importante progetto che vede il coinvolgimento della Cia, Confederazione agricoltori di Ascoli insieme aJPMorgan Chase

Leggi

PIANO DI SVILUPPO RURALE, TANTE LE OPPORTUNITA’ PER I GIOVANI AGRICOLTORI

ASCOLI Dare vita ad un allevamento di bachi da seta che possa essere visitato anche dalla scolaresche del territorio. E’ il progetto della giovane agricoltrice Elisa Vallorani dell’azienda agricola e agriturismo “Alla Solagna”, in Contrada La Rocca 29 a Colli del Tronto. Un sogno che potrà essere realizzato anche grazie alla collaborazione con la Cia Confederazione agricoltori provinciale e aver così partecipato al Piano di Sviluppo Rurale 2014 – 2020, sottomisura 6.1, relativo agli aiuti all’avviamento per l’insediamento di giovani agricoltori. “La domanda è stata accolta e la Regione Marche ha comunicato la finanziabilità del nostro progetto – dice l’agricoltrice Vallorani – che prevede l’ampliamento dell’agriturismo e quindi anche la realizzare della fattoria didattica”. L’azienda è a conduzione prevalentemente familiare come spiega la titolare: “Come azienda agricola siamo produttori di olio extravergine di oliva e frutta quali: ciliegie, albicocche, pesche, susine

Leggi

Salirà l’aiuto accoppiato per grano duro.

Filiere strategiche da sostenere quelle del riso e dello zucchero al nord e fondamentale quella del grano duro al sud. Il ministro Gian Marco Centinaio aveva speso già alcune parole in campagna elettorale in favore di colture come il riso e la barbabietola da zucchero a cui ora si aggiunge l’impegno per una delle colture più diffuse nel Centro-Sud, ovvero il frumento duro. Agea ha appena comunicato i dati definitivi per i pagamenti accoppiati 2017 Il progetto del ministero, condiviso con le Regioni, è quello di passare nel 2018:

  • da 80,7 a 100 €/ha per il frumento duro;
  • da 96,7 a 150 per il riso;
  • da 443,7 a 600 per lo zucchero.

L’importo definitivo dipenderà dalle superfici ammesse a contributo, con fluttuazioni che in genere non superano i 3 euro in più o in meno.

Nasce quindi una nuova esigenza di qualità di prodotto ed aumento delle produzioni.

 

Leggi