L’Ue boccia il Dimetoato, abbiamo l’alternativa anche per il BIO

Inaspettata e quantomeno repentina la decisione di 27 paesi su 28 che hanno votato a favore della proposta di non rinnovare l’approvazione europea del celebre insetticida Dimetoato. Le motivazioni sono legate alle criticità tossicologiche e ambientali emerse dalla valutazione della documentazione presentata alla commissione. Ora si aprono le porte alle alternative per la lotta a certi insetti su molte colture (ad esempio la Mosca dell’olivo). Una delle alternative può essere l’utilizzo […]

Leggi

PROTEGGI LE TUE PIANTE DOPO LE ABBONDANTI PIOGGE

Le piogge delle ultime settimane stanno condizionando negativamente il ciclo vegetativo di gran parte delle colture, un metodo semplice ed ad alta efficacia è quello di utilizzare prodotti per indurre resistenza alla pianta e al contempo ridurre l’umidità latente. La soluzione è: SYLIT POLVERE DI ROCCIA. Prodotto ottenuto tal quale dalla macinazione meccanica di vari tipi di roccia. Caratteristiche SYLIT è una polvere di roccia micronizzata, appositamente studiata per le […]

Leggi

IOAGRI, L’INNOVATIVO SOFTWARE PER LA GESTIONE DELL’AZIENDA AGRICOLA:

La competitività nel settore agricolo si misura, oggi, anche dalla capacità di innovazione dell’imprenditore agricolo le cui competenze non possono più esaurirsi alle sole attività agronomiche ma devono proseguire, con sempre più accuratezza, anche sul versante manageriale e sull’interpretazione dei numerosi dati che provengono dal campo. Da anni si parla di agricoltura di precisione e tecnologie 4.0 tuttavia una delle sfide più importanti per l’agricoltura è iniziare ottimizzare al meglio […]

Leggi

La fase di trapianto è molto delicata per la pianta e al contempo molto laboriosa.

La fase di trapianto è molto delicata per la pianta e al contempo molto laboriosa. Per questo è necessario sostenere la pianta e darle il giusto nutrimento. L’applicazione di ROOT GUARD consente l’emissione di un maggior numero di radici che risultano più sane e vigorose; questa può essere effettuata in qualsiasi periodo dell’anno purché le temperature del suolo non siano eccessivamente basse. Si prediligono applicazioni primaverili e autunnali, periodi in […]

Leggi

L’innovazione per la viticoltura e l’olivicoltura.

Migliorare, tramite l’innovazione, la produzionee lacompetitività delle impresee il redditodegli agricoltori. E’ questo in sintesi l’obiettivo del seminario che si terrà domani Venerdì 10 Maggio ad Offida nella splendida cornice dell’Enoteca Regionale in Via Garibaldi 75., a partire dalle ore 18,30. Metodi di Nutrizione Speciale che legando le fasi fenologiche ad interventi mirati permettono di migliorare le produzioni in maniera qualitativa e quantitativa; utilizzo di sistemi di Biocontrollo per la […]

Leggi

Innovazione e agricoltura, se ne è parlato ad Offida

Gli ultimi dati sullo stato di salute del pianeta, pubblicati recentemente sul sito della Nasa, evidenziano che abbiamo raggiunto un altro record negativo equivalente a 411 ppm di C02 nell’atmosfera dato che conferma il trend di crescita di questo gas serra negli ultimi 20 anni. Considerando che il settore agricolo contribuisce agli sconvolgimenti climatici del nostro pianeta per circa il 30% c’è la necessità di trovare quanto prima soluzioni alternative in tutti i settori agricoli.  A questa analisi non sfugge neanche lo stato attuale della viticoltura.

Le tecniche di produzioni di avanguardia e le ultimissime applicazioni tecnologiche consentono ai viticoltori

Leggi

Innovazione in Agricoltura: Uso dei Microrganismi in Viticoltura, se ne parla ad Offida

Innovazioni in agricoltura: Utilizzo dei Microrganismi utili in viticoltura.   “ Il 2050 e più vicino di quanto immaginiamo: stando alle ultime scoperte scientifiche che ritengono la necessità di sfamare l’intero pianeta sia la priorità assoluta, bisogna comprendere come ciò sia possibile soltanto preservando il suolo le sue interconnessioni e gli scambi comunicativi che avvengono tra le piante. L’uomo può imparare a rispettare la sua natura perfetta consentendo ed aiutando quel […]

Leggi

Primato mondiale per le DOP italiane valgono 15,2 miliardi

L’Italia ribadisce il primato mondiale con 822 prodotti DOP, IGP, STG registrati a livello europeo su 3.036 totali nel mondo (dati al 05/12/2018). Con oltre 15,2 miliardi alla produzione (+2,6% sul 2016) il comparto delle IG Food&Wine cresce più del settore totale italiano (+2,1%) e pesa per il 18% sul valore totale agroalimentare. Questi i dati produttivi del 2017 elaborati nel Sedicesimo Rapporto Ismea-Qualivita presentato il 13 dicembre a Roma. Buone notizie anche sul fronte export delle IG, che continua a crescere, raggiungendo gli 8,8 miliardi di euro (+4,7%) pari al 21% dell’export agroalimentare italiano. Bene anche i consumi interni nella Gdo, ancora in aumento del 6,9% per le vendite alimentari a peso fisso e del 4,9% per il vino.

Nello specifico il settore Food sfiora i 7 miliardi di valore alla produzione e 3,5 miliardi all’export per una crescita del +3,5%, mentre raggiunge i 14,7 miliardi al consumo con un +6,4% sul 2016.<

Leggi

Italia leader delle dop in Europa: il boom è concentrato nel Sud.

Una fotografia dell’Istat ha delineato la situazione dei prodotti Dop e Igp al 31 dicembre 2017 rilevando che l’Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall’Unione europea. I prodotti agroalimentari di qualità riconosciuti al 31 dicembre 2017 sono 295 e cioè 4 in più sul 2016 e di questi, quelli attivi sono 285 cioè il 96,6% del totale.

I prodotti Dop attirano più i produttori del Mezzogiorno che non quelli del Nord Italia. Infatti il rapporto Istat rileva che nel 2017 il numero di produttori Dop, Igp e Stg aumenta, rispetto al 2016, dell’1,8% con un persistente calo registrato al Nord pari a meno 2,8% e con un consistente aumento rilevato nel Mezzogiorno pari al 7,3% e, in misura più lieve, al Centro con un aumento dell’1,4%.

Cresce anche considerevolmente il numero dei trasformatori con un aumento medio nazionale del 7,6%, ma l’aumento maggiore è, anche questa volta nel Mezzogiorno che registra una crescita tra

Leggi

La frutta avrà il suo catasto.

La Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha introdotto una novità importante. Ha approvato l’istituzione del Catasto delle produzioni frutticole nazionali. Ci sarà una ricognizione a livello aziendale delle superfici, distinte con l’indicazione delle principali cultivar.

Cinque milioni di euro in due anni

Stanziati, a tal fine, 2 milioni di euro per il 2019 e 3 milioni per il 2020. A stabilire i criteri e le modalità di realizzazione del Catasto frutticolo sarà, entro 90 giorni, un decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo.ortofrutta

Molto soddisfatta Alessandra Pesce

Leggi